BIBLIOTECA

Lo strano elenco delle morti inspiegabili

L'anarchico Gaetano Bresci e l'inventore Rudolf Diesel. Il ciclista Ottavio Bottecchia e i principi nella Torre. Sono alcuni nomi che compaiono nel lunghissimo elenco delle morti irrisolte , che si trova sull'enciclopedia on line Wikipedia (nell'edizione inglese).

Ad aprire l'elenco è l' Eva del Naharon , i cui resti (databili a un periodo di 11.000-14.000 anni fa) furono rinvenuti in una grotta in Messico. Sono i resti umani più antichi rinvenuti nelle Americhe, collegati alla domanda fondamentale circa l'origine del popolamento del continente.

Facciamo un gran balzo avanti nel tempo per raccontare la storia dei Principi nella Torre . Erano Edoardo V d'Inghilterra e suo fratello Riccardo di Shrewsbury. Alla morte del padre, per ordine dello zio Riccardo di Gloucester vennero alloggiati nella torre di Londra: più nessuno li vide vivi, e si diffuse la voce che fossero stati assassinati. I loro resti vennero ritrovati nel 1674, e in seguito traslati nell' abbazia di Westminster . E' ancora aperto il dibattito sul fatto che davvero ci sia stato un omicidio , e su chi l'abbia eventualmente commissionato: lo zio, che poi divenne re come Riccardo III, è il maggiore indiziato.

I "principi della Torre", incarcerati e forse uccisi per ordine dello zio

Un'altra morte su cui restano molti punti interrogativi è quella, prematura, del compositore Wolfgang Amadeus Mozart , avvenuta nel 1791. Seguì un frettoloso funerale, con la salma deposta in una fossa comune. La tesi che va per la maggiore è quella della morte per malattia , anche se non c'è accordo sul genere di patologia (né c'è la possibilità di analizzare i resti). Ma c'è anche chi parla di morte per avvelenamento : una diceria priva di fondamento accusa il compositore italiano Antonio Salieri , che avrebbe agito per invidia. In realtà l'inimicizia tra i due compositori è del tutto improbabile, anche perché Salieri godette di grande celebrità nel corso della sua lunga carriera, mentre Mozart raggiunse l'apice della fama dopo la morte.

La prematura morte del genio della musica Wolfgang Amadeus Mozart

Altro personaggio: l'anarchico Gaetano Bresci che nel 1900 sparò e uccise re Umberto I. Fu condannato all' ergastolo , e incarcerato sull'isola di Ventotene. Approfittando dell'assenza del secondino che avrebbe dovuto guardarlo a vista, si impiccò usando una corda ricavata da un lenzuolo. C'è però il sospetto che fosse stato massacrato a bastonate da tre guardie: un "delitto di Stato" per punire un "delitto contro lo Stato".

A Monza l'anarchico Bresci assassinò re Umberto I

Anche sulla morte di Rudolf Diesel , inventore dell'omonimo motore , ci sono delle ombre. Scomparve mentre stava attraversando in barca il canale della Manica : all'epoca si pensò al suicidio (nonostante l'importanza della sua invenzione Diesel era coperto di debiti), ma anche a un attentato tedesco per evitare che il progettista offrisse alla Royal Navy un suo motore per sottomarini.

Ottavio Bottecchia fu il primo ciclista italiano a vincere il Tour de France : nel 1924 indossò la maglia gialla dalla prima all'ultima tappa (vinse il Tour anche nel 1925).

Il 3 giugno 1927 Bottecchia fu trovato agonizzante in una zona dov'era solito allenarsi: si pensò a un incidente . Ma c'è anche chi sostiene che si trattò di un delitto , innescato da più cause plausibili: racket delle scommesse, aggressione per futili motivi, oppure omicidio politico da parte di una "squadraccia" fascista.