BIBLIOTECA

A Palermo la mummia più bella del mondo

Si dice mummia e subito si pensa all' Antico Egitto . La mummificazione, in realtà, è un procedimento che può avvenire con metodi naturali o artificiali ed è diffuso presso molte culture in tutto il mondo, Italia compresa.

A Palermo , nel convento annesso alla chiesa di Santa Maria della Pace , si trovano le Catacombe dei Cappuccini . Il termine "catacomba" è in realtà inappropriato, perché non si tratta di un luogo di culto paleocristiano bensì di un cimitero sotterraneo.

Il luogo è una vera e propria attrazione turistica , tanto da essere inserito nel Grand Tour , il viaggio che gli aristocratici europei compivano per arricchire la propria cultura.

Le catacombe dei cappuccini, a Palermo, sono una nota attrazione turistico-culturale

Le gallerie vennero scavate nel Cinquecento: si ritiene ospitino circa 8000 mummie , anche se un inventario preciso non è mai stato fatto.

In origine i Cappuccini seppellivano i loro defunti in una sorta di cisterna sotto l'altare di Sant'Anna, in chiesa. Quando lo spazio si rivelò insufficiente decisero di scavare il cimitero sotterraneo , e di traslarvi i confratelli. Fu in quel frangente che si accorsero che 45 corpi erano rimasti intatti.

Questo fatto fu visto come un segno della benevolenza celeste : i frati decisero allora di non seppellire più i loro morti, ma di esporli in piedi all'interno di nicchie ai lati del primo corridoio delle catacombe.

Questa particolare forma di sepoltura prese piede anche negli altri strati della società palermitana . In piedi o coricate, vestite di tutto punto, le mummie sono divise per categoria sociale: ecclesiastici, nobili, militari, dame, commercianti, ricchi borghesi, gruppi famigliari.

Le mummie esposte sono circa 800

La maggior parte delle mummie palermitane ha subito un processo di mummificazione naturale. Un certo numero però è stato sottoposto a mummificazione artificiale (o imbalsamazione). Tra esse la più nota è quella di Rosalia Lombardo , nota anche come la mummia più bella del mondo .

La piccola Rosalia, soprannominata anche la bella addormentata di Palermo , morì nel 1920 all'età di soli due anni : fu una delle ultime persone ammesse alla sepoltura nelle catacombe dei Cappuccini.

Figlia di una famiglia facoltosa, fu affidata ad Alberto Salafia , un noto imbalsamatore palermitano dell'epoca, affinché potesse "vivere in eterno".

Salafia aveva una formula segreta per la mummificazione. Ma di recente il giovane antropologo siciliano Dario Piombino-Mascali , studiando pochi manoscritti di Salafia in possesso degli eredi, è riuscito a risolvere il mistero : si trattava di iniezioni intravascolari di formalina, glicerina, sali di zinco, alcool e acido salicilico, con l'aggiunta di paraffina disciolta in etere per mantenere l'aspetto vivo e tondeggiante del volto.

Nell'arco della sua carriera Salafia imbalsamò oltre cento corpi , fra cui personaggi illustri come lo statista Francesco Crispi, il cardinale Michelangelo Celesia, il senatore Giacomo Armò, l´etnografo Giuseppe Pitrè e il conte di Francavilla.

Quella di Rosalia Lombardo è nota come "mummia più bella del mondo"

Tornando alla mummia di Rosalia, oggi conservata in una teca satura di azoto per prevenirne il degrado, qualche tempo fa si parlò di un fenomeno paranormale . Ci fu chi sostenne che la bambina avesse aperto e chiuso gli occhi. Ovviamente niente di tutto ciò era accaduto: è un' illusione ottica , legata alle condizioni d'illuminazione della sala.